news‎ > ‎

Antonio Talarico saluta la Segreteria MGC

pubblicato 16 feb 2010, 11:03 da Pasquale Castrilli   [ aggiornato in data 16 feb 2010, 11:44 ]
 
Frascati (Roma), My News 59. Nel corso dell'ultima Assemblea nazionale del Movimento Giovanile Costruire, svoltasi dal 12 al 14 febbraio, Antonio Talarico ha salutato la Segretria centrale MGC dopo quasi otto anni di servizio. 31 anni, impiegato bancario, originario di Gioia Tauro, Antonio aveva iniziato il suo servizio al Movimento Costruire nel 2002 come rappresentante dei gruppi calabresi, allora presenti nella piana di Gioia Tauro, nel catanzarese e nel cosentino.
Nel corso della celebrazione dei vespri, Antonio ha avuto la possibilità di condividere con i presenti la sua esperienza. "E’ stato un 'SI' detto con fiducia incondizionata, incosciente e, a distanza di tanti anni, credo di poter affermare che quella scelta è stata un aderire pienamente alla volontà di Dio. - ha detto Antonio con un pizzico di commozione - La prima cosa che mi colpì particolarmente è stato incontrare giovani e oblati provenienti da posti diversi, con storie diverse, spesso in disaccordo su vari aspetti, ma gente pronta a perdere la propria idea per amore dell’altro. Mi colpì molto il fatto che tutto veniva deciso in comunione, non erano solo gli oblati a decidere o imporre le cose. Quella per me è stata una rivoluzione, in quel perdersi reciproco nell’idea dell’altro venivano fuori delle soluzioni che non erano né dell’uno, né dell’altro". Ha continuato poi menzionando anche alcuni momenti difficili della sua esperienza, ma soffermandosi sulle tante luci incontrate lungo il cammino.  "In questi anni la segreteria mi ha aiutato ad allargare il cuore, ed oggi sento forte l’importanza di non pensare solo al mio piccolo, di non pensare solo alla mia comunità o alla mia zona. Ho capito quanto importante siano le relazioni e l’importanza di far circolare la vita affinché ciascuno possa godere della gioia dell’altro".
Le fotografie della serata di festa possono essere visionate cliccando qui.
Comments