News‎ > ‎

La causa di p. Borzaga approda a Roma

pubblicato 15 gen 2009, 08:55 da Pasquale Castrilli   [ aggiornato in data 15 gen 2009, 09:07 ]

 
Roma / MyNews 8.
E' iniziata giovedì 8 gennaio la fase romana della causa di canonizzazione del Servo di Dio Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata (Trento 1932-Laos 1960) e del laico catechista Paolo Thoj Xyooj. La cerimonia si è tenuta alle ore 10.15 presso la Congregazione per le cause dei Santi sita nel Palazzo delle Congregazioni in Piazza Pio XII a Roma. Sono stati presenti p. Joaquin Martinez, postulatore generale della causa, Lucia Borzaga, sorella di Mario, Marlies Miorelli, notaio della causa, insieme ad alcuni sacerdoti provenienti da Trento e sei Missionari Oblati di Maria Immacolata.

P. Mario ha perso la vita tragicamente alla fine di aprile del 1960 in Laos all'età di 28 anni (www.marioborzaga.it).
 
Abbiamo rivolto alcune domande a Lucia Borzaga.
Si è appena conclusa l’apertura dell’inizio della fase romana del processo di canonizzazione di p. Mario. Lucia, che sensazioni hai in questo momento?
Veramente sono commossa. Non avrei mai pensato di arrivare a questo momento…. Tutto come vuole il Signore, sia per p. Mario che per Paul Xooj il suo catechista. Per la gloria di Dio.
Sono stati anni impegnativi per arrivare a questo momento... Ci sono notizie sulla ricerca dei corpi?
C’è sempre un’attenzione particolare per poter ritrovare i corpi di questi due martiri, ma in Laos c’è ancora regime comunista e pur sapendo esattamente il luogo dove sono stati sepolti, non è possibile andare.
Sei stata sempre molto attenta a comunicare il messaggio di Mario. Dovresti dire a questo punto del processo di canonizzazione, in parole sintetiche, qual è il messaggio che Mario consegna alla Chiesa, ai giovani, a chi lo conosce…
Io vorrei usare una delle sue frasi: “la mia vocazione è essere un uomo felice pur identificandomi col Cristo Crocifisso”. E’ un messaggio di gioia.
 
E' possibile consultare le fotografie dell'apertura della fase romana della causa, cliccando qui

Comments