news‎ > ‎

La staffetta Evangelii Gaudium alla XII supermaratona del'Etna

pubblicato 18 giu 2018, 12:45 da Pasquale Castrilli   [ aggiornato in data 18 giu 2018, 12:46 ]
Messina. MyNews156. 
Splendida affermazione della staffetta ‘Evangelii Gaudium’ (‘La gioia del Vangelo’) alla XII Super Maratona dell’Etna svoltasi sabato 9 giugno. 43 i km da Marina di Cottone nel comune di Fiumefreddo di Sicilia (Catania) alla cima del vulcano attivo più alto d’Europa per un dislivello totale di quasi 3000 metri, che la rende la maratona con il dislivello maggiore in Europa.

Praticamente tre gare in una. Dopo le firme di rito e la benedizione con l’acqua del mar Jonio, impartita dai tre staffettisti insieme al direttore tecnico padre Pasquale Castrilli, è partita la gara a carattere internazionale. La prima frazione, da Marina di Cottone a Linguaglossa di 14,5 km (450+), è stata corsa da padre Vincenzo Puccio, parroco a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) in 1.07’22’’. Vincenzo è partito forte impostando un ritmo gara attorno ai 3’40’’ al km già sulle prime rampe. Ha dato il suo valido contributo al rientro dopo un infortunio che lo ha tenuto lontano dalla gare per un anno. A Linguaglossa è stato il terzo staffettista a cambiare, attorno alla ventesima posizione assoluta. Il percorso affrontato da don Gianni Buontempo nella seconda frazione misura 19 km e va da Linguaglossa a Piano Provenzana (1300+). Gianni, che a Roma è membro del Dicastero pontificio per i Laici, la Famiglia e la Vita, con pazienza ha rimontato posizioni arrivando al cambio di Piano Provenzana, primo staffettista e terzo assoluto, con un buon vantaggio sulla seconda staffetta. Il so tempo è stato 1.35’30’’. La terza frazione, con pendenze superiori al 10%, si corre su sterrato lavico in un paesaggio mozzafiato. E’ stata percorsa da don Franco Torresani, unico religioso ad aver vestito la maglia azzurra, attualmente parroco ad Arco di Trento, in 59’01’’, record assoluto della frazione. Nelle dodici edizioni della manifestazione nessun atleta era riuscito a correre questa frazione sotto l’ora di corsa. Franco è salito di forza, in alcuni punti controvento, e al 36° km ha superato il primo atleta della corsa individuale, arrivando per primo al traguardo e trovando gli organizzatori quasi impreparati. Il tempo totale per la ‘Evangelii Gaudium’ è stato di 3.41’54’’, record della manifestazione.

Argento per la staffetta Corriamo con Cirino in 4.04’07’’, bronzo per Asics Front Runner in 4.10’21’’.

Nella gara individuale in campo maschile vittoria per il francese Joris Kiredjian (Taillefer Trail Team) in 4.05’21’’, davanto ad Antonino Recupero in 4.10’36’’ ed Enzo Mersi in  4.12’31’. In campo femminile vittoria per la palermitana Lara La Pera (Misilmeri Marathon) in 4.58’25’’. davanti a Carolina Tiraboschi in 5.25’20’’ e Gisella Zuccarotto in 5.26’33’’.

Comments