News‎ > ‎

S. Messa in suffragio di p. Carmelo Conti Guglia OMI

pubblicato 30 set 2010, 12:13 da Pasquale Castrilli   [ aggiornato in data 4 ott 2010, 02:56 ]
Napoli. MyNews 83.
Tanta gente ha gremito la Chiesa dell'Immacolata a Pizzofalcone (Napoli) in occasione della messa in suffragio di p. Carmelo Conti Guglia venuto a mancare lo scorso 21 agosto. La messa si è svolta il 30 settembre, nel giorno della memoria liturgica di S. Girolamo, grande studioso delle Sacre Scritture. E coincidenza più felice non poteva esserci per celebrare la memoria di un missionario che ha fatto dell'annuncio della Parola l'essenza di tutta la sua vita.
Nel corso dell'omelia, p. Ciro Andreozzi ha ricordato alcuni  episodi dell'infanzia di p. Carmelo. La prima comunione e la partenza da Tortorici (Messina) all'età di dieci anni per la Scuola apostolica degli OMI a S. Maria a Vico (Caserta). P. Ciro ha anche sottolineato le passioni di p. Carmelo: Dio, l'uomo, la missione. Ha sottolineato la sua profonda vita di preghiera e il servizio alla Chiesa di Napoli e ha concluso leggendo una pagina del Diario di p. Carmelo datata 5 febbraio 2004: "Mi ha colpito come una novità la parola di Gesù "rinneghi sè stesso"... e l'altra "Chi perderà la propria vita la salverà". Rinnegare me stesso. Perdere la vita, morire al mondo. Ecco quello che non ho mai saputo fare... Prima di morire voglio riuscire ad amare Gesù di vero amore e perciò in tutte le preghiere domando di morire al mondo e a me stesso".
Oltre a tante persone del Quartiere, hanno partecipato alla Messa la superiora generale delle Suore Ancelle del Sacro Cuore e rappresentanti delle ACLI e dell'Associazione italiana maestri cattolici. 
Al termine della funzione religiosa Nicola Carosone del 'Gruppo Servire', ha letto una poesia dedicata a p. Carmelo che riportiamo in parte:

"Nu piezz'e Marcantonio gruosso, gruosso
cu na suttana nera fino 'a nterra,
nu' crudifisso attone dint'a vita,
l'uocchie celeste, l'anema lucente.
Chist'è padre Carmelo Conti Guglia,
Oblato di Maria, o' missionario.
A' vita soia, passta miez'a via,
hippies, drogati, femmene e' malaffare,
gente perduta, ca isso vo' salvà.
Miez'a' stà gente, chill'è 'o posto suoio,
và cammenanno e' prega, pè Furcella,
pè quartiere spagnole, a' Sanità.
Sulo dint'à sta nuttata, nun lle mporta,
quanno nce stà o bisogno, isso stà llà.
'A gente dice "è pazzo chistu viecchio,
chesta è a missiona soia, nunn'è pazzia,
nun lle mporta 'e murì sì' chesto serve
'a ddà na' mano 'a stà povera gente".
Comments